user_mobilelogo
No result...

 

Data:

Domenica 16 gennaio 2022 

SantAgata 

Dislivello:

350 mt. - Durata: 3,30 ore + soste - Lunghezza: 11 km.   

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 8.35 - Partenza ore 8.45

Marostica - Via Montello, dopo Supermercato Conad, vicino il negozio Tigotà ore 9.15 - partenza escursione ore 9.30 

Referente:

Eva Nardulli (cel. 338.4831894) 


Breve passeggiata facile alla portata di tutti, adatta al periodo invernale che si esaurisce intorno all’ora di pranzo.

Si parte dal sentiero ciclopedonale lungo il torrente Longhella fino a Via Ponte Quarello dove si gira a destra per imboccare 100 metri piu’ avanti il sentiero di San Benedetto che sale dolcemente sulla collina arricchita da coltivazioni di viti e olivi e con varietà di alberi tra castagni, pioppi e pini marittimi.
Le colline prendono il nome dall’antica chiesa e del Monastero di San Benedetto, risalenti al 1253, i cui resti sono segnalati durante il percorso.
Lungo il sentiero in dolci saliscendi e bei panorami verso la pianura, il castello e l’Altipiano di Asiago,attraversando anche le terre della biologica Diesel Farm di Renzo Rosso*, si arriva alla bella chiesetta di Sant’Agata dove faremo una breve sosta ristoratrice.
Riprendendo il sentiero che scende verso nord per poi risalire la collina verso un punto di ritrovo del sentiero dell’andata si scende verso la strada che collega Marostica a San Floriano e si percorre il sentiero ciclopedonale a valle fino al ponte Quarello (dell’omonima via).
Da lì si potrà decidere se tornare alle auto o approfittare di uno spuntino/pranzetto libero in piazza degli scacchi.

Indispensabili scarponcini da trekking per possibili tratti fangosi e abbigliamento tecnico idoneo alla stagione invernale.

*”È un posto veramente speciale e sento che salvando questa terra ho fatto la scelta giusta.
Siamo nell’alta provincia di Vicenza, a 300 m sul livello del mare. 100 ettari collinari attraversati da un incrocio particolare di venti, propizi per una coltivazione unica e di qualità, quello che soffia dall’Adriatico e quello che scende dalle Prelati. In linea d’aria 55 km ci separano dal mare e 55 dai monti, 5 sono le colline su cui si estende la Diesel Farm e 5 è il mio numero magico; mi ha sempre portato fortuna. Ho strappato questa terra a un destino che la voleva ricoperta di cemento, e oggi, oltre a donarci buoni frutti, i suoi prati accolgono vacche, capre, pecore, cavalli e galline, ma anche cinghiali, caprioli, scoiattoli e uccelli, tra cui il falco, tornati a ripopolare le nostre colline. Sono felice e soddisfatto quando vedo persone che fanno jogging, famiglie con bambini alla scoperta della natura, coppie di innamorati che si godono la bellezza del paesaggio percorrendo in tutta calma la strada che attraversa la proprietà.”
per saperne di più e curiosità: https://shop.dieselfarm.com/

 

Album 2021-22

Album 2020-21

Album 2019-20

Album 2018-19

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok