user_mobilelogo
No result...

 

Data:

Domenica 25 ottobre 2020 

Val Cajada 

Dislivello:

590 mt. - Durata: 5 ore + sosta pranzo  

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 7.10 - Partenza ore 7.15 (ORA SOLARE)

Albergo 4 Valli - Faè di Longarone ore 8.45

Malga Palughet - Val Cajada ore 9.30  

Referente:

Armando Parolin (cel. 338.3383398) e Marta Casonato (cel. 340.6790538)

Percorso molto valido dal punto di vista naturalistico visto che siamo nel
Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi e anche dal punto di vista panoramico.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Una volta fatta la colazione al locale 4 Valli ritorniamo indietro sempre per la statale in direzione Belluno. Dopo 1 km svoltiamo a destra per via Fortogna tenendo le indicazioni Cajada/Malga Palughet; si gira subito a destra passando sotto la ferrovia e si prosegue diritto (non prendere a sinistra per malga Palughet come indicato dal cartello); quindi si percorrerà un breve tratto di strada bianca fino al cartello “PER CAIADA”. Si terrà la destra e si imboccherà la stradina asfaltata lunga 10km, che porta in quota, fino alla malga Palughet..
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
A Pian De Cajada si trova uno dei più grandi esemplari di abete bianco del Veneto che si può ammirare grazie al cartello che lo segnala sulla sinistra; noi comunque proseguiremo oltre per circa tre km, fino a parcheggiare alla Casera Palughet (1257 m).
Nei boschi sovrastanti vivono i cervi che in ottobre sono facilmente osservabili o meglio udibili con il loro inquietante bramito, perché l’autunno è la stagione degli amori.
Il sentiero segnavia CAI-509 parte appena sopra la Casera e si addentra nel bosco di latifoglie, per salire per circa 1 ora fino alla Forcella Palughet (1521m).
Si prosegue verso Nord-Est per il sentiero di cresta, spartiacque tra la Conca di Cajada e la Val Dei Molini Dei Frari; quindi si continua ammirando la Cima Saline (1616 mt.) e la Cima Becola (1520mt), sentiero che è facilmente percorribile anche per chi ama i percorsi poco frequentati.
Continuiamo la nostra salita direzione Sud-Ovest, il bosco si apre a praterie di alta quota fino alla Forcella Zervoi; qui giriamo a destra e saliamo per un breve tratto sul crinale e tenendo la destra ci portiamo rapidamente a Casera Zervoi (1737 m). Breve sosta per poi dirigersi verso la sommità del Zervoi, le tracce del sentiero ufficiale scompaiono ma si prosegue facilmente lo stesso tra pini mughi e saliscendi.
Il Monte Zervoi (1842m) costituisce un ottimo pulpito di osservazione verso il Gruppo dello Schiara e il versante nord del Monte Serva.
A questo punto ammagliati dal panorama a 360° ed circondati dalle stelle alpine (se resistono alle prime gelate) ci concediamo il pranzo al sacco.
Si ritorna per un sentiero che taglia il bosco di Pini mughi direzione Sud, sovrastante la Casera Zervoi per poi attraversare verso Sud il prativo di fronte alla malga che velocemente ci riporta al sentiero 509. Rifaremo quindi il sentiero di andata per il rientro alla malga Palughet.
Buona escursione a tutti.

 

 

Album 2020-21

Album 2019-20

Album 2018-19

Album 2017-18

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok