user_mobilelogo

 

Data:

Domenica 4 agosto 2019       

Sassolungo 

Dislivello:

950 mt. - Durata 6 ore + soste 

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 7.20 - Partenza ore 7.30

Pove del Grappa - Birreria ai Trenti ore 7.45 

Referente:

Domenico Gasparotto (cel. 347.2788258)    

Sosta per colazione al Bar Fontane.

Partenza dal Rifugio Refavaie (m. 1116), alla fine della strada che sale la Val Vanoi dopo Caoria. Qui prenderemo la strada forestale della Val Ciache per il Passo 5 Croci (segnavia n. 380 – cartelli con indicazioni), che in leggerissima salita ci porterà a superare il ponte sul torrente Vanoi a quota 1236 m. in 1 ora dalla partenza. Cartelli con indicazioni per Malga Cupolà di Sotto e di Sopra ci indicheranno la via per proseguire sulla destra, attraversando il Vanoi. Sempre su strada forestale la salita si fa più accentuata ma sempre costante, senza alcuna difficoltà tecnica, pervenendo alla località Campigolo degli Orti. Da qui iniziano una decina di tornanti che, in 35 minuti circa con una leggera deviazione ci permettono di raggiungere il Bivacco Malga Cupolà di Sotto – m. 1544, situato in uno spiazzo particolarmente panoramico. Ore 1,35 dalla partenza circa riprendiamo il nostro cammino prendendo un sentiero che in 30 minuti circa ci porterà al Lago Nero (m. 1627). Da qui è possibile scendere leggermente dalla strada e attraversare il bosco e il semplice canale per re-incontrare, più avanti, il nuovo sentiero n. 320, poco sopra Malga Laghetti. Svoltiamo a sinistra lungo la strada sterrata in salita; a quota 1671 circa, presso un bivio, si abbandona la strada e si sale a destra per il sentiero n. 320 che inizia a rimontare la parte più bassa del Costone dei Rivoni. Man mano che si sale, il bosco si dirada cedendo gradualmente spazio a radure erbose sempre più ampie e tratti pianeggianti finchè a quota 1839 m si esce definitivamente dal bosco sui prati sottostanti al Cauriol Piccolo; con uno strappo ci si porta alla selletta di quota 1920 che dà accesso alla Busa di Sadole; la si risale e con un ultimo tornante su terreno detritico ci si porta sull'ampia insellatura di Passo Sadole (2066 m – ore 3,5 circa - punto più alto del giro) da cui il panorama si apre anche a nord sulle Dolomiti della Val di Fassa (vedi foto di copertina). Qui ci fermiamo per il meritato pranzo al sacco e per riprendere le forze (a meno che qualcuno non voglia proseguire per arrivare in vetta al M. Cauriol).
Per il ritorno rifaremo all’inverso il percorso fino al bivio da cui eravamo passati, arrivando dal Lago Nero; da qui, invece, proseguiremo la strada passando sotto Malga Laghetti (1582 m) e proseguendo in direzione località “Capriolo”. Purtroppo il sentiero che taglia verso il bosco è inagibile e dovremmo fare tutto il resto della discesa lungo la strada che poi diventerà asfaltata, fino al rifugio Refavaie, fine del nostro giro (950 m di dislivello – 6 ore circa).

 

 

Album 2018-19

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok