user_mobilelogo

 

Data:

Domenica 26 maggio 2019      

Caltena 

Dislivello:

300 mt. - Durata: 4 ore 

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 8.20 - Partenza ore 8.30

Pove del Grappa - Pizzeria ai Trenti ore 8.45

Referente:

Patrizia Vidale (cel. 349.4340328)   

Viaggio in auto: Belvedere – Valsugana – direzione San Martino di Castrozza – Imer – Val Noana rifugio Fonteghi. Sosta colazione Bar Fontane a Lamon, via Fontane, 26.


Percorso:
Lasciate le auto nei pressi del rifugio Fonteghi (mt. 1100 s.l.m.), ci incamminiamo per il segnavia 726 – 748 verso il torrente Noana, al primo bivio proseguiamo a sinistra per il segnavia 726 che in discesa ci porta al torrente. All’improvviso ci apparirà il nuovo ponte pedonale sospeso (mt. 1039 s.l.m.) che attraversa la valle e ci porta in località Anconeta dove troveremo un grazioso capitello dedicato alla Madonna. Una strada sterrata ci porterà in località Ineri dove la stradina prende un fondo di asfalto. Ora possiamo osservare la catena delle Vette Feltrine con il Pavione e raggiungiamo la località Poit (mt. 1183 s.l.m.) dove è prevista una breve sosta. Per raggiungere la nostra meta imbocchiamo a destra il segnavia 729 che con fondo asfaltato in circa mezz’ora ci condurrà al rifugio Caltena (mt. 1265 s.l.m.) con possibilità di ammirare il gruppo delle Pale di San Martino, con lo svettante Sass Maor, e il gruppo del Cimonega. Al rifugio ci sarà la possibilità di pranzare, previa prenotazione al capogita entro giovedì 23 maggio, oppure di consumare il proprio pranzo al sacco negli ampi prati circostanti. Esaurita la sosta pranzo, ritorniamo sui nostri passi fino a località Poit e da qui prendiamo a destra il segnavia 728 che ci condurrà ai Prati di san Giovanni dove ci fermeremo a visitare la graziosa chiesetta dedicata ai Santi Giovanni Battista e Giovanni Evangelista. Costruita ai primi del Cinquecento per volontà della famiglia Scopoli, rimase proprietà della stessa fino al Settecento, dopo di che fu donata alla comunità di Mezzano. La chiesetta sorse per consentire a carbonai e contadini, che si trattenevano al lavoro nella località per diversi mesi, di disporre di un comodo luogo di culto per la messa domenicale. La strada continua in discesa fino a raggiungere un deviazione a sinistra che su sentiero ci condurrà alla diga del lago Noana (mt. 1017 s.l.m.). Dalla diga percorreremo per circa un km. la strada asfaltata che ci riporterà al parcheggio presso il rifugio Fonteghi.


Il Capogita augura una buona escursione a quanti vorranno partecipare.

 

 

Album 2018-19

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok