default_mobilelogo

Data:

Sabato 25 e domenica 26 luglio 2015 (Escursione rinviata all'week-end 8-9 agosto, a causa delle cattive previsioni atmosferiche - Il giovedì precedente 6 agosto si terrà l'abituale riunione organizzativa).  

rif padova 

Dislivello:

1° giorno: 700 mt. in salita - Durata: 6 ore

2° giorno: 600 mt. in salita e 1.133 in discesa - Durata: 6 ore 

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta 8/8 ore 6.50 - Partenza ore 7.00                                                                                                         

Capogita:

Armando Parolin (cell. 3383383398)  

Equipaggiamento : Da escursionismo raccomandati scarponi,bastoncini per tratti di discesa lunghi.
Per il pernottamento in rifugio munirsi di saccolenzuolo e ciabatte.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Per raggiungere il punto di partenza al Passo della Mauria UD) si deve passare per Belluno, Calalzo di di Cadore e dopo Domegge di Cadore si prende la strada a destra in direzione per Forni di Sopra/Udine.
Ps: E' necessario lasciare delle macchine vicino al Camping Cologna in riva al lago per trovarle al ritorno e andare a recuperare quelle lasciate al Passo della Màuria.

I° Giorno.
Passo della Màuria mt 1301 - Rif.Padova 1287
Pranzo: al sacco oppure presso rifugio Giaf senza prenotazione.

Dal parcheggio del passo imbocchiamo il sentiero alta via n°6 n°341 che con sali e scendi attraversando i torrenti la Tor e il Fossiana ci porta in circa 2 e 30 ore al Rifugio Giaf dove ci fermeremo per la pausa pranzo a sacco e/o con i piatti tipici proposti dal rifugio.
Dopo la pauza pranzo prendiamo a salire per il sentiero n°346 che ci porta alla forcella Scodavacca o Giaf, forcella inserita tra il monte Cridola e la torre A.Berti del Gruppo Cima Monfalconi.
Dopo una breve pausa in forcella per prendere fiato cominciamo a scendere sempre per l'alta via n°6 fino ad arrivare al rifugio Padova per il pernottamento al costo di 40,00 euro mezza pensione.
Da questo rifugio si può ammirare tutto l'anfiteatro naturale composto dal monte Cridola, Cima Monfalcone di Montanaia, Cima del Toro e anche la punta del campanile di Val Montanaia.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
II° Giorno
Rif. Padova mt 1287 / Rif.Tita Barba mt 1821 / Lago di Centro Cadore a Calalzo mt. 688
Pranzo: al sacco oppure presso rifugio Tita Barba senza prenotazione.

Dopo aver fatto colazione al rif.Padova si prende il sentiero in salita n°352 che ci porta alla sommità di un piccolo colle per poi scendere di quota fino alla Casera Valle a quota 1360mt.
Il sentiero ricomincia a salire fino a raggiungere la località Le Palù e poi la Casera Vedorcia a 1704mt da dove possiamo ammirare uno splendido panorama sulle vette circostanti.
Dalla Casera Vedorcia in breve tempo si arriva al piccolo rifugio Tita Barba dove possiamo fermarci per la pausa pranzo e ammirare il panorama verso il lago di Pieve e la val del Piave con il monte Antelao sullo sfondo.
Una volta pranzato a sacco e/o al rifugio Tita Barba prendiamo il sentiero n°350 che da quota 1821 mt ci porta a quota 1560 della casera Tamari; a questo punto continueremo per il sentiero n° 343 fino alla località Riva Fontane a quota 1150mt e poi alla stradina che conduce al parcheggio delle macchine giù al lago di Centro Cadore.
Una volta recuperate le auto al Passa Màuria ci possiamo trasferire sull'altra sponda del lago in località Lagole per una piacevole sosta refrigerante prima di partire per il rientro.

Ps: per chi lo desidera il rif. Padova è raggiungibile in auto per passare comunque un bel week-end: dal rifugio partono percorsi semplici ben segnalati verso le cime circostanti.

Buona escursione a tutti.

 

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Album 2014-15

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok