user_mobilelogo

Data:

Domenica 11 maggio 2014

 

Lago-del-Corlo-

Dislivello:

920 mt. - Durata 6 e mezza - 7 ore 

 

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 7.30 - partenza ore 7.40

Cismon del Grappa - Ristorante Val Goccia ore 8.15 

 

Capogita:

Antonio Chiarotto 

 

La presente escursione sostituisce quella prevista in pari data a Malga Garda (Prealpi Trevigiane).

 

DIFFICOLTA' EE. PER ESCURSIONISTI ALLENATI.

PERCORSO SU CARRARECCE E SENTIERI NON SEMPRE SEGNATI MOLTO IMPEGNATIVO PER LUNGHEZZA E DISLIVELLO. 


Sosta colazione con secondo ritrovo presso Ristorante Val Goccia.
Per raggiungere il punto di inizio della ns. escursione si percorre la SS 47 per Feltre e poco dopo l'uscita dal tunnel gireremo a dx. verso il Lago del Corlo. Arrivati al cimitero del paese di Rocca lasceremo le auto e da li' iniziera' la ns.escursione.
Si prende il sentiero 807 (ex 7) e ci si trova poco dopo in un ponte pedonale che ci consente di attraversare lo stretto braccio del lago. Si segue la mulattiera che prima costeggia il lago e poi sale rapidamente verso la localita' Forcelletta.
Bisogna prestare attenzione perche' in parte il sentiero e' franato e ci sono dei bivi non segnati. Giunti alle Casere Forcelletta (bel punto panoramico) a quota 524 mt., si prende la mulattiera in forte salita sulla dx. del capitello e ci si inoltra nel bosco; superato un ghiaione sulla sx. del sentiero si arriva ad un bivio segnalato per Col Geremia che ci invita a sx., ultime faticose rampe e in breve si arriva a Col Geremia e alle casere omonime situate su un bellissimo prativo e lo sguardo puo' spaziare a 360 gradi su varie catene montuose. Si continua sulla strada sterrata e dopo un boschetto di pini seguiamo il segnavia che ci indica il sentiero a dx.; si sale nel bosco e si sbuca in un prativo ove non ci sono segnavia ma solo tracce e si sale costeggiando i Casoni Strapazzon e Bolin sino a sbucare sulla SP 141. Attaversata la stessa in breve arriveremo ai Casoni del Baio e poi, in rapida salita per pendii erbosi sotto la sciovia abbandonata, al Col del Baio. Qui o ai casoni faremo la MERITATA SOSTA.
Per il ritorno si percorre la stessa via sino allo slargo con un capitello e ad un segnale di divieto con scritto Tenina, da dove si scende nella strada sterrata: attenzione, qui finiscono i segnavia. Passate alcune casere la strada prende il posto di un sentiero che ci porta alla borgata abbandonata di Fumegai. e superata la stessa si arriva alla strada che scende lungo la Val Carazzagno con il torrente che scorre sotto. Dopo le Casere Boldi e superata una bella gola che ricorda la Val Noana si giunge in prossimita' del Ponte della Vittoria che attraversato ci riporta nell'abitato di Rocca.

Album 2018-19

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok