default_mobilelogo
No result...

Data:

 Domenica 3 novembre 2013

"altar

Dislivello:

 400 mt. - Durata 4 ore + soste

 

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 8,00 - partenza ore 8.15

Rotzo, parcheggio a sx. prima della chiesa ore 10,30

Capogita:

Armando Parolin e Marta Casonato

Difficoltà : Facile / Media
Equipaggiamento : Da escursionismo considerando la stagione in corso
Consigliati scarponi; e bastoncini per tratti di discesa ripida al ritorno.

===============================================================================================
L’escursione ha inizio dal parcheggio posto sulla sinistra prima della chiesa di ROTZO a quota 943 mt slm provenendo da Asiago.
Il sentiero parte di fronte la strada del parcheggio in salita e subito ci fermiamo sulla sinistra a osservare la sorgente del Romita (foto 1) recuperata da poco ma testimonianza antica della civiltà passata in questi luoghi.
Dopo la breve sosta si riparte a salire per il dorso della montagna costeggiando e a volte attraversando la strada asfaltata fino a raggiungere l’Alta Kugela (foto 2) a quota 1334 mt.
In cimbro questo nome significa antico riparo e sicuramente visitandolo capirete il perché.
A poca distanza troveremo l’Altar Knotto (foto sopra) uno dei luoghi più suggestivi dell’altopiano; la conformazione dell’enorme sasso a forma di altare e la sua posizione a precipizio sulla Val d’Astico hanno suggerito a molti ricercatori che in questo luogo gli antichi abitanti dell’Altopiano venissero a pregare le loro divinità di origine germanica, come Odino, Thor.
Attorno all’antica pietra dell’Altar Knotto si offrivano doni e si compivano sacrifici in onore degli spiriti dei boschi, dei monti e delle sorgenti. Il luogo è anche detto “Pria del Diavolo”in quanto associato a racconti diabolici di forze misteriose e affascinanti.


Si riparte per andare a visitare la Croce dell’Altaburg (foto 3), davanti a noi si apre uno splendido punto panoramico che ci permette di ammirare una parte della conca dell’Altopiano della zona di Tresche Conca e ancor più in la possiamo vedere la Val d’Astico e alle spalle le cime del Carega e del Pasubio.
La croce di ferro è stata eretta nel 1900 e rappresenta la meta finale del “sentiero della fede”, un luogo caro agli abitanti di ROTZO che qui hanno voluto erigere un simbolo della loro unità e devozione.
Se il tempo è favorevole in questo luogo ci fermiamo per la sosta pranzo a sacco.
Dopo la sosta si riparte per il sentiero in discesa che ci porta fino a fondo valle per visitare la chiesetta di Santa Margherita (foto 4). Questo luogo di culto fu il primo monumento segno del cristianesimo sull’Altipiano dei Sette Comuni. L’origine dell’edifico si colloca attorno al 1100 e fu restaurata negli anni ’90.
Dopo aver visitato la chiesa, con storie e informazioni che troveremo in loco, ci si incammina attraversando la campagna di Rotzo fino ad arrivare al parcheggio delle macchine dove termina la escursione.

Buona escursione a tutti.

 

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Album 2014-15

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok