default_mobilelogo

Data:

Domenica 12 luglio 2015 

cima del frate 

Dislivello:

950 mt. (+ 100 per la Cima del Frate) - Durata compl. 6 ore    

Ritrovo :

Piazzale Belvedere di Tezze sul Brenta ore 7.35 - Partenza ore 7.45

Birreria ai Trenti - Pove del Grappa ore 8.00                                                                                                        

Capogita:

Domenico Gasparotto  

(colazione a Cismon del Grappa - Val Goccia)  

Inizio escursione: ore 9,30

Lasciata la Valsugana in direzione Castel Tesino, dopo Bieno e prima di Pieve Tesino, giriamo a sx per una stradina stretta ma asfaltata che ci porta in località Rifugio Spiado (chiuso), dove lasciamo le macchine (c'è poco posto). Da qui parte l'escursione seguendo una stradina forestale e con una camminata di circa 45 min. si raggiunge la radura della caratteristica Malga Fierollo di Sotto (1515 m.). Si segue ora a dx in salita sul sentiero 366 in direzione della Forcella Fierollo (2236 m.).
Si passa per bei prati e tratti boscosi che via via si diradano. Nella salita si transita per la loc. Laghi Bella Venezia (1963m) e poi per un piccolo bivacco. Poco prima della Forcella Fierollo, a quota 2200m circa, si trova un incrocio del sentiero; qui, chi se la sente (dopo la lunga camminata), devia a dx e segue il segnavia 366B verso la “Cresta del Frate” (100 m. più in alto), gli altri possono girare a sx e arrivare a Forcella Fierollo (2246 m.), dove ci fermeremo per il pranzo.
Per raggiungere la Cima del Frate (2351 m.), si sale per traccie e gradoni e fino alla cima, dove oltre ad ammirare il suggestivo monolite granitico goderemo anche di un bel punto panoramico. Poi si ritorna al bivio precedente e in breve fino a raggiungere la Forcella Fierollo (2236m), dove insieme consumeremo il frugale pranzo al sacco.
Dopo esserci riposati e rifocillati, proseguiremo sul panoramico sentiero che scende per una nuova ampia vallata; ci si abbassa ai Laghi di Rava (di Mezzo e Primo), passando a fianco della caratteristica malga. Si scende, poi, per un ripido tratto in discesa, per arrivare a una piacevole conca con tanti ruscelli d'acqua gorgogliante. Si procede quindi passando sull'altro lato della valle e incrociando il segnavia 322. Si scende lungo la valle e il corso del Rio Gallina e si raggiunge una diramazione a quota 1600 m. circa dove, ad un incrocio, si procede a sx lungo il sentiero 365. Qui ci aspetta un “traversone” in mezzo al bosco che con brevi sali-scendi ci riporta alla stradina forestale e Malga Fierollo di Sotto (1515 m.), che avevamo lasciato la mattina; un'altra quarantina di minuti e ritorneremo al punto di partenza.
Questo itinerario si sviluppa in uno dei contesti più selvaggi del Trentino, un ambiente naturale ancora incontaminato e poco frequentato. Il giro ad anello transita per le Malghe Fierollo e di Rava, raggiungendo anche Cima del Frate, contraddistinta da un grande monolite granitico. Nella parte più in alto, si cammina su tracce e mulattiere in parte ricavate nella roccia durante la Grande Guerra. Il percorso è un po' lungo, ma il paesaggio è molto piacevole; non ci sono pericoli, anche se in qualche punto (in discesa) il sentiero è un po' malmesso.

Album 2017-18

Album 2016-17

Album 2015-16

Album 2014-15

Su questo sito usiamo cookie . Navigando accetti! Ok